Odo Camillo Turrini 

Ci sono 11 opere.

Odo Camillo Turrininasce il 16 luglio 1954 in un piccolo borgo collocato sulle colline modenesi, Gombola di Polinago. Concluso il periodo di studi tecnici a Modena, entra subito in contatto con la realtà ceramica del territorio e ne fa il suo punto di riferimento, che, nel tempo, si trasforma in una vera e propria vocazione artistica personale. ...

Odo Camillo Turrininasce il 16 luglio 1954 in un piccolo borgo collocato sulle colline modenesi, Gombola di Polinago. Concluso il periodo di studi tecnici a Modena, entra subito in contatto con la realtà ceramica del territorio e ne fa il suo punto di riferimento, che, nel tempo, si trasforma in una vera e propria vocazione artistica personale. Il comprensorio sassolese è il fertile terreno che sviluppa in questo scultore le tecniche applicative e amanuensi, gli accorgimenti estetici e l’estro originale. Inizialmente socio imprenditore, poi professionista creativo all’interno di un’azienda in cui svolge mansioni direttive di sviluppo e progettazione di pezzi speciali con la tecnica del Terzo Fuoco, Turrini opera per molto tempo al fianco di numerosi maestri del settore e vive il suo lavoro come una sorta di continua ricerca. Questo il motivo che lo spinge, oltre dieci anni fa, a decidere di esternare la sua genialità e a sviluppare a tempo pieno la sua inclinazione all’arte e la sua evidente manualità. Sfruttando gli spazi del laboratorio creativo di Castellarano (Re), l’artista, spronato anche dal maestro Azeglio Babbini, inizia così a plasmare, anno dopo anno, una nuova figura di scultore, tradizionale e moderno al tempo stesso. Un percorso naturale, quanto inevitabile.

Le doti naturali di Turrini si affinano nel tempo, attraverso lo studio e l’esperienza. Diversi sono i contatti che l’autore ha con le più importanti scuole italiane di ceramica, tra le quali Faenza, Vietri, Caltagirone, Montelupo Fiorentino e Deruta. Gradualmente, dal connubio tra tecnica manuale ed espressività estetica, si sviluppa il suo stile, dapprima figurativo, poi, via via, più astratto.

Il 2004 è l’anno che vede lo scultore dare il via al suo percorso pubblico. Turrini inizia ad esporre le sue opere d’arte, partecipa a numerosi eventi pubblici e organizza personali e mostre collettive, dapprima in Emilia-Romagna, quindi in gallerie e sedi istituzionali collocate in Italia e non (Roma, Verona, Udine, Trento, Ferrara, Como, Firenze, Parma, San Marino).

A caratterizzare l’artista è la padronanza di diverse tecniche ceramiche: da quelle adoperanti colori sopra smalto fino all’antica e ricercata tecnica Raku, importata dal Giappone nel secolo scorso, attraverso la quale, grazie alla maestria di Turrini, al tipo di argilla utilizzato e all’elaborato processo di cottura e riduzione di ogni scultura, ciascun colore subisce variazioni cromatiche uniche e irripetibili, contribuendo a originare creazioni che lasciano meravigliato qualunque osservatore. In genere Turrini esegue pochi disegni, lavorando direttamente al bozzetto in creta: l’idea iniziale, l’intima immagine dal quale scaturisce ogni opera, infatti, prende vita dalle mani dello scultore in modo quasi immediato, istintivo. La terra, nella semplicità e nella povertà della propria essenza, diventa per Turrini il completamento di un passaggio artistico assai noto: il dialogo visibile nella materia trasformata; l’argilla, tra le sue dita, si anima di infinite possibilità, restituendo in modo tangibile frammenti del mondo che egli percepisce. L’interesse dell’autore è catturato dal profondo mistero della vita dell’uomo, nelle sue sofferenze e nelle sue trasformazioni ed evoluzioni.

Un concetto intimistico, più che materico, sta alla base del messaggio che Turrini riversa nella scultura,lasciando ogni interrogativo e ogni risposta alla parte più vera e profonda di noi stessi.

Riduci
Leggi tutto
Mostra 1 - 11 di 11
Acconsento

Visitando questo sito web si autorizza l’impiego di cookie.


Per informazioni dettagliate sull’impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".